Divisione Pharma

Fermenti Lattici

equilibrio della flora batterica intestinale

Acquista
Condividi su:
categoria:

8 MILIARDI DI CELLULE VIVE per bustina

I Fermenti Lattici possono essere utili per favorire l'equilibrio della flora batterica intestinale anche in presenza di squilibri alimentari o di terapie con antibiotici.
Fermenti Lattici è un integratore di fermenti e vitamine utile per colmare le carenze alimentari o gli aumentati fabbisogni di tali nutrienti.

Ogni bustina contiene 8 miliardi di cellule vive

Confezione da 12 bustine da 2,5 g

Modalita' d'uso
Si consiglia di assumere una bustina al giorno prima di colazione a digiuno. Sciogliere il contenuto di una bustina in mezzo bicchiere d'acqua a temperatura ambiente; per una solubilità ottimale, si consiglia di mescolare mentre si versa il contenuto della bustina in acqua.


Prodotto in Italia  |  Confezione da 30 g


Matt ti aiuta a riciclare

Scatola: CARTONE (PAP21)

Bustina: INDIFFERENZIATA

Verifica le disposizioni del tuo Comune


Maltodestrine, Miscela di Fermenti Lattici (Lactobacillus acidophilus LA 14 ATCC SD 5212, Lactobacillus paracasei BGP2 DSM 16799), agente antiagglomerante: biossido di silicio (nano), Vitamina B2 (riboflavina, amido di mais), Vitamina B6 (piridossina cloridrato), Vitamina B1 (tiamina cloridrato).

Contenuti medi per dose (1 bustina) %VNR**
Fermenti lattici totali (Cellule vive)* 8 mld UFC  
  di cui L. acidophilus LA 14 7 mld UFC  
  di cui L. paracasei 1 mld UFC  
Vitamina B2 0,8 mg 57
Vitamina B1 0,7 mg 64
Vitamina B6 1 mg 71

*il contenuto in cellule vive si riferisce al prodotto correttamente conservato

**VNR: Valori Nutritivi di Riferimento

Il prodotto contiene fermenti lattici vivi, sensibili al calore: si raccomanda quindi di evitare l'esposizione a fonti di calore o a sbalzi termici, di conservarlo al riparo dalla luce e a temperatura non superiore a 25°C. Il termine minimo di conservazione si riferisce al prodotto correttamente conservato, in confezione integra.  Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituto di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita.

FERMENTI LATTICI:

Sono denominati batteri lattici (impropriamente detti fermenti lattici) tutti quei batteri che sono in grado di metabolizzare il lattosio trasformandolo in acido lattico ed altre sostanze. Alcuni di questi batteri del genere Lactobacillus e Bifidobacterium si trovano abitualmente in un numero variabile nelle pareti del nostro intestino dove colonizzano (si riproducono) e svolgono un’azione probiotica.
In commercio possiamo trovare le seguenti tipologie di fermenti lattici:
Fermenti lattici vivi
Sono dei batteri vivi che per esplicare la loro funzione, devono arrivare indenni all’intestino attraverso la barriera gastrica. Una volta giunti a destinazione colonizzano l’intestino (si riproducono) svolgendo la loro funzione probiotica.
Spore
Le spore sono le forme inattive dei batteri lattici che per riattivarsi e riprodursi hanno bisogno di tempo e determinate condizioni di pH e temperatura. La spore essendo inattive sono più resistenti rispetto i fermenti lattici vivi (forma attiva) nel passaggio della barriera gastrica fino a giungere all’intestino dove alle giuste condizioni si attivano e si riproducono.
Fermenti Lattici Tindalizzati (non vitali)
I fermenti lattici tindalizzati sono dei batteri che sono stati sottoposti a un particolare trattamento termico (30 minuti a 56°C) per renderli non vitali senza tuttavia danneggiare o distruggere i loro componenti. Non essendo più in vita, i batteri passano indenni la barriera gastrica raggiungendo l’intestino dove aderiscono alla parete intestinale stimolando la crescita della flora batterica già presente e prevenendo l’adesione dei batteri putrefattivi alle pareti intestinali.

RIBOFLAVINA:

La vitamina B2 o riboflavina è il precursore dei due coenzimi FMN e FAD, i quali contribuiscono a formare dei complessi enzimatici che intervengono in alcune importanti reazioni di ossidoriduzione del metabolismo energetico. La sua carenza si manifesta con stomatite, glossite, edema della mucosa faringea. Vegetali a foglia verde, carne, uova, latte, formaggio sono le fonti più rappresentative della vitamina. La riboflavina contribuisce: al normale metabolismo energetico, al normale funzionamento del sistema nervoso, al normale metabolismo del ferro, al mantenimento di membrane mucose normali, al mantenimento di globuli rossi normali, al mantenimento di una pelle normale, al mantenimento della capacità visiva normale, alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo e
alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento.

TIAMINA:

La vitamina B1 o tiamina è una vitamina idrosolubile che prende parte alle reazioni del metabolismo energetico, promuovendo la trasformazione dei carboidrati in energia. Una carenza di tiamina determina l'insorgenza del beriberi (termine singalese che indica estrema debolezza) che esiste in tre forme: asciutta (o neurologico, quando la carenza di tiamina interessa il sistema periferico), umida (interessa l'apparato cardiocircolatorio) e Soshin (comporta un'insufficienza cardiaca globale che può essere fatale). Tutti gli alimenti di derivazione vegetale e animale contengono tiamina, in particolar modo frumento e riso integrale, carne, legumi, ortaggi. La tiamina contribuisce al normale metabolismo energetico, al normale funzionamento del sistema nervoso, alla normale funzione psicologica e cardiaca.

PIROSSIDINA:

Vedi Vitamina B6

FLORA BATTERICA INTESTINALE:

Il nostro apparato digerente, ed in modo particolare l’intestino, è colonizzato da moltissimi microrganismi che, nel loro insieme, costituiscono la flora batterica. La flora batterica intestinale è costituita da circa 400 specie diverse fra batteri, lieviti, funghi, virus e protozoi. La flora batterica è quantitativamente poco presente nello stomaco, per via del pH molto acido (solo 1000 batteri per grammo di contenuto), mentre aumenta man mano che si procede nell’intestino tenue (10 milioni per g di contenuto) e poi nell’intestino crasso dove raggiunge i 100-1000 milioni per grammo di contenuto. Anche la composizione qualitativa cambia a seconda del tratto gastro-intestinale: nello stomaco e nel primo tratto dell’intestino tenue, grazie alla maggiore presenza di aria la flora batterica è prevalentemente aerobia (necessita di aria per vivere), mentre man mano che si procede verso l’intestino crasso la flora batterica anaerobia (non necessita di aria per vivere) aumenta sempre di più fino a diventare prevalente. La flora batterica intestinale è una vera e propria barriera microbico-enzimatica in grado sia di proteggere l’organismo dall’attacco di eventuali microrganismi nocivi, sia di scomporre gli elementi di transito in parti sempre più piccole così da rendere disponibili fattori vitali come vitamine, sali minerali ed altri micronutrienti, mantenendo sana ed efficace la mucosa intestinale.

EQUILIBRIO INTESTINALE:

Il nostro intestino è popolato da miliardi di batteri che svolgono diverse funzioni per il benessere del nostro organismo (funzione digestiva, funzione protettiva ecc) mantenendone un giusto equilibrio. L’alterazione dei suddetti microrganismi (flora intestinale) può causare uno squilibrio intestinale compromettendo la corretta funzionalità dell’intestino (possono manifestarsi disturbi quali meteorismo, diarrea, gonfiori addominali ecc.).