Bevande Vegetali

Cocco bio

bevanda di cocco rinfrescante

Acquista
€2,61anzichè €3,73
30% di sconto
Condividi su:
categoria:

Cocco bio è una bevanda vegetale completa e digeribile, ideale per la colazione o una piacevole pausa rinfrescante in qualsiasi momento della giornata.
L’esclusivo processo di lavorazione di Cocco Bio Matt non prevede l’utilizzo di latte di cocco, ma di una pregiata pasta di cocco ottenuta dalla pura polpa del frutto, per un sapore intenso e cremoso, ideale per tutta la famiglia.
Naturalmente priva di lattosio, è un’ottima alternativa nei casi di intolleranza al latte e grazie al suo basso contenuto di sale è un valido aiuto anche per chi vuole alimentarsi in modo sano e mantenersi in forma.
Matt Cocco bio è ideale al naturale come bevanda fresca e dissetante in qualsiasi momento della giornata; dal sapore tropicale è perfetta per creare originali cocktail.
Il suo gusto delicato la rende un ottimo alleato per la preparazione di salse, dolci e sfiziose ricette. 

Consigli d'uso
Matt Cocco bio è ideale al naturale come bevanda fresca e dissetante in qualsiasi momento della giornata; dal sapore tropicale è perfetta per creare originali cocktail.
Il suo gusto delicato la rende un ottimo alleato per la preparazione di salse, dolci e sfiziose ricette. 


Logo AB Prod

logo Vegan

 ... non solo bio 

• prodotto Vegetale
• senza Lattosio
• senza Glutine
• a basso contenuto di Sale

Prodotto in Italia  |  Confezione da 1000 ml


Matt ti aiuta a riciclare

Brick: POLIACCOPPIATO (C/PAP 84)
Tappo: POLIETILENE (HDPE 2)

Verifica le disposizioni del tuo Comune


Acqua, pasta di cocco* (4%), zucchero di canna*, amido di mais*, aroma naturale*, proteine di pisello*, sale marino.

*da agricoltura biologica

Informazioni nutrizionali per 100 ml
Energia 203 kJ
  49 kcal
Grassi 2,4 g
  di cui acidi grassi saturi 2,1 g
  di cui acidi grassi monoinsaturi 0,2 g
  di cui acidi grassi polininsaturi 0,1 g
Carboidrati  6 g
  di cui zuccheri 3,5 g
Fibre 0,5 g
Proteine 0,5 g
Sale 0,05 g

 

Agitare prima dell’uso, dopo l’apertura conservare in frigo e consumare entro 3/4 giorni. Conservare in luogo fresco e asciutto al riparo dalla luce.
Una eventuale presenza di piccoli grumi in superficie è la conferma che la bevanda è frutto di un mix naturale di latte di cocco e acqua, senza utilizzo di emulsionanti chimici.  

COCCO:

Il cocco o noce di cocco è il frutto della palma da cocco (Cocos nucifera) tipica dei paesi tropicali. E' una drupa che presenta un esocarpo (buccia) liscio e sottile, un mesocarpo fibroso strettamente unito all'endocarpo (guscio) legnoso e durissimo.
All'interno il frutto contiene l'acqua di cocco e una polpa bianca commestibile che viene utilizzata per diversi impieghi.
La polpa può essere consumata tal quale, oppure può essere utilizzata per la produzione di olio di cocco, farina di cocco, pasta di cocco o latte di cocco.

LATTE DI COCCO:

Il latte di cocco si ottiene mediante la spremitura della polpa di cocco fresca e, grazie al suo particolare sapore dolce e intenso, viene utilizzato come ingrediente in svariate preparazioni. In Asia e in America centro meridionale, dove il cocco viene coltivato, il latte di cocco è l'ingrediente principale di numerosi piatti tipici.
Le caratteristiche nutrizionali del latte di cocco sono quelle tipiche della polpa: contiene acidi grassi saturi, zuccheri e un basso contenuto di proteine.

INTOLLERANZA AL LATTOSIO:

L’intolleranza al lattosio è una condizione in cui il consumo di latte e latticini provoca una reazione non allergica che si manifesta con disturbi gastrointestinali come gonfiore, dolore crampiforme e saltuaria diarrea. Il lattosio è il carboidrato contenuto nel latte. Normalmente, l’enzima chiamato lattasi, presente nell’intestino tenue, scompone il lattosio in zuccheri più semplici (glucosio e galattosio) che entrano poi in circolo nel sangue. Quando l’attività enzimatica è ridotta, il lattosio non viene scomposto e viene trasportato nell’intestino crasso dove viene fermentato dai batteri presenti in quella parte del corpo. La quantità di latte e latticini tale da determinare sintomi di intolleranza è molto variabile. Molti soggetti che hanno una ridotta attività intestinale della lattasi possono bere un bicchiere di latte senza alcun problema. Analogamente, i formaggi stagionati, che hanno un basso contenuto di lattosio, e i prodotti a base di latte fermentato, come lo yogurt, sono in genere ben tollerati. Inoltre, l’introduzione costante di cibi contenenti lattosio nell’ambito dei pasti induce un progressivo adattamento e la riduzione della quantità totale di lattosio ingerita in un solo pasto può migliorare la tolleranza negli individui sensibili.

LATTOSIO:

È un carboidrato contenuto nel latte ed è costituito da due monosaccaridi, il glucosio e il galattosio. Il lattosio rappresenta il 98% degli zuccheri presenti nel latte.
Oltre che nel latte può essere anche contenuto nei suoi derivati (formaggi e yogurt).

GLUTINE:

Il glutine è una miscela proteica che si forma dall'unione delle due proteine gliadina e glutenina, tipiche di alcuni cerali, in presenza di acqua ed energia meccanica. Il glutine conferisce agli impasti viscosità ed elasticità ed è determinante per il processo di lievitazione e panificazione. La quantità e la qualità del glutine è un importante indice per valutare l'indice di forza di una farina e la sua attitudine alla panificazione.
Il glutine per alcune persone predisposte, genera una nota malattia chiamata celiachia (vedi celiachia).

INTOLLERANZA AL GLUTINE:

Vedi Celiachia