Questo sito utilizza cookie tecnici ed equiparati per consentirti una migliore navigazione.
Se vuoi saperne di più clicca qui Cookies.

INDICE GLICEMICO

L’indice glicemico (IG) rappresenta la velocità con cui aumenta la glicemia in seguito all’assunzione di 50 grammi di alimento. La velocità si esprime in percentuali prendendo il glucosio come punto di riferimento (100%).Di norma in una persona sana e adulta, donna e uomo, si attesta attorno a valori di glicemia compresi tra 0,8–1 g per ogni litro di sangue. Al di sotto di 0,8 g/lt si parla di ipoglicemia, conosciuta come “la caduta degli zuccheri” e al di sopra di 1 g/lt si ha l’iperglicemia fino al diabete mellito. Una sana alimentazione ha l’obiettivo di mantenere costante nel tempo il valore della glicemia evitando brusche e continue sue oscillazioni post-prandiali. Tutti gli alimenti possono essere, quindi, divisi in base al loro indice glicemico, in base cioè alla loro diversa capacità di far aumentare, dopo la loro ingestione alimentare, la concentrazione del glucosio nel sangue. L’obiettivo preventivo di una sana alimentazione è scegliere alimenti in grado di non causare brusche e improvvise variazioni alla glicemia e tenere sotto controllo, a bassi livelli, la secrezione dell’insulina da parte del pancreas. L’innalzamento dell’insulina provocata dall’aumento del glucosio nel sangue può essere la causa di svariate patologie, tra le quali malattie cardio-circolatorie, obesità, inestetismi cutanei, cellulite nonché rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.